Su questo sito si utilizzano cookies tecnici e di terze parti. Proseguendo la navigazioni accetti.

GRU>ARCHIVIO>ABSTRACT>Aina Marta - Un dipinto ad olio su tavola di Teramo Piaggio del Museo dell’Accademia Ligustica di Belle Arti di Genova: problemi di conservazione e restauro*
L’oggetto dell’elaborato di tesi è un dipinto ad olio su tavola proveniente dai depositi del museo dell’Accademia Ligustica di Belle Arti di Genova, realizzato da Teramo Piaggio presumibilmente nella prima metà del XVI secolo e raffigurante Sant’Erasmo in cattedra tra San Nicola da Bari, San Giovanni Battista, Santa Chiara e un Santo vescovo. L’intervento di conservazione e restauro è stato preceduto da una fase di studio del manufatto, considerato nei secoli un’opera minore di un artista spesso sottovalutato dalla critica, motivo che ha reso alquanto ardua la reperibilità di notizie documentarie utili ad una dettagliata ricostruzione delle vicende storiche e conservative. L’esecuzione di indagini multispettrali e di analisi chimico-fisiche ha permesso di approfondire la conoscenza della tecnica di esecuzione e di caratterizzare gli interventi di restauro successivi, contribuendo a delineare con sufficiente chiarezza le varie fasi del progetto di restauro. Questo è stato mirato in particolare al recupero della pellicola pittorica originale, pesantemente occultata da ritocchi e ridipinture risalenti probabilmente al XIX secolo, ed al ripristino dell’unità del manufatto, ormai privo di un sistema di traversatura in grado di esercitare un idoneo controllo della stabilità strutturale d’insieme. L’elaborato è introdotto da una prima parte di carattere storico, volta all’illustrazione del panorama artistico ligure in cui l’opera del Piaggio si inserisce ed alla ricostruzione della biografia dell’artista, della storia del dipinto e della sua iconografia. All’interno della sezione successiva viene presentata un’analisi del manufatto attraverso la descrizione della tecnica di esecuzione e lo studio dello stato di conservazione nel momento del suo arrivo presso i laboratori del Centro di Conservazione e Restauro “La Venaria Reale”. L’ultima parte è dedicata all’intervento di restauro effettuato, del quale sono state descritte dettagliatamente le varie operazioni eseguite e quelle ancora a carattere di progettazione: fra tutte spiccano per complessità le diverse fasi della pulitura del film pittorico, che hanno condotto ad una nuova leggibilità dell’immagine, e lo studio di un particolare sistema di controllo del supporto, quest’ultimo interessato da operazioni di risanamento e ricommettitura delle tavole separate e deformate.


* Tesi di Laurea Magistrale a ciclo unico quinquennale in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali (LMR-02) conseguita presso Università degli studi di Torino in convenzione con Centro Conservazione e Restauro dei Beni Culturali "La Venaria Reale", a.a. 2014/2015. Relatori: Cesare Pagliero, Alessandra Romero; Correlatori: Silvia Piretta, Paola Croveri. 


Bibliografia essenziale

1768 R. Soprani, C.G. Ratti, Vite de’ pittori, scultori, ed architetti genovesi, tomo I, Genova;

1780 C. G. Ratti, Instruzione di quanto può vedersi di più bello in Genova, in pittura, scultura ed architettura, Bologna (facs. dell’edizione Genova, 1780);

1846 F. Alizeri, Guida artistica per la città di Genova, tomo I, Bologna (ristampa fotomeccanica dell’edizione del 1846);

1876 S. Varni, Catalogo descrittivo dei dipinti di Teramo Piaggio e d’altri artefici nel Santuario di N.S. delle Grazie presso Chiavari, altrimenti detto Pineta, in “Giornale ligustico di archeologia, storia e belle arti”, vol. III, Genova, pp. 460-475;

1876 F. Alizeri, Notizie dei professori del disegno in Liguria dalle origini al secolo XVI, Vol. III, Genova;

1928 M. Bonzi, Teramo Piaggio da Zoagli, estratto da “La Grande Genova: bollettino municipale”, Anno VIII, n. 6 (giugno 1928), Genova, pp. 309-3015;

1951 P. Toesca, Storia dell’arte italiana, vol. II, Il Trecento, Torino;

1963 La quadreria della Accademia Ligustica di belle arti in Genova, a cura di P. Torriti, Genova;

1970 G. V. Castelnovi, Il Quattro e il primo Cinquecento, in La pittura a Genova e in Liguria dagli inizi al Cinquecento, a cura di C. Bozzo Dufour, G. V. Castelnovi, E. Poleggi, F. Caraceni Poleggi, Genova, pp. 77 – 179;

1972 G. Spotorno, Storia letteraria della Liguria, tomo IV, Bologna (facs. dell’edizione di Genova del 1824-1858);

1976 G. Giordano, Tecnologia del legno, vol. 1, 3, Torino;