Su questo sito si utilizzano cookies tecnici e di terze parti. Proseguendo la navigazioni accetti.

GRU>ARCHIVIO>ABSTRACT>Argentino Chiara - “Il Codice Rossi 205: archeologia, diagnostica, sperimentazione e restauro di un manoscritto in pergamena (XV sec) della Biblioteca dell’Accademia Nazionale dei Lincei e Corsiniana”*
“Il Codice Rossi 205: archeologia, diagnostica, sperimentazione e restauro di un manoscritto in pergamena (XV sec) della Biblioteca dell’Accademia Nazionale dei Lincei e Corsiniana” Il presente elaborato di Tesi Magistrale descrive l’intervento conservativo effettuato sul manoscritto membranaceo Summa de casibus conscientiae di Bartolomeo da San Concordio (XV sec.) appartenente alla Biblioteca Nazionale dei Lincei e Corsiniana.
Il codice, costituito da una legatura in assi ricoperte in pieno cuoio, presentava il completo distacco del piatto anteriore, in corrispondenza della cerniera, e del primo fascicolo, oltre a 3 punti di rottura dei nervi fendus rispetto lo spessore del dorso.
Il restauro ha previsto un consolidamento di tutti gli elementi strutturali. In particolare per l’operazione di reintegrazione della cerniera si è ritenuto opportuno avviare una sperimentazione sul cuoio. Sono state quindi effettuate delle apposite simulazioni di innesto con cuoi simili all’originale accoppiati con due diversi tipi di nuovo supporto: uno in pelle allumata ed uno in cuoio al vegetale, realizzando dei sistemi giunti: cuoio antico + adesivo + cuoio nuovo. L'adesione è stata ottenuta con amido modificato, gelatina animale, e gli stessi addizionati di una minima percentuale di un olio essenziale – per ridurre l'appetibilità degli adesivi. I sistemi sono stati valutati con invecchiamenti accelerati, con prove di trazione e rigidità, misure di variazione dimensionale, pH, contenuto d'acqua, temperatura di contrazione e spettrofotometria IR. L’accurata ricerca bibliografica di fonti scientifiche ha permesso di portare alla luce e di approfondire, non solo le tecniche di restauro tradizionale, ma anche le più innovative metodologie di intervento su un codice medievale con struttura integra.


*Tesi di diploma equiparato a Laurea Magistrale a ciclo unico in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali (classe LMR/02) a.a. 2014/15 SAF - ICRCPAL. Relatore: Prof.re Giampiero Bozzacchi– Direttore del laboratorio di restauro presso la Biblioteca dell’Accademia Nazionale dei Lincei e Corsiniana di Roma. Correlatori: Francesca Pascalicchio, Direttrice del Laboratorio di Tecnologia dei materiali presso l’ICRCPAL (Roma), Valentina Sagaria Rossi, Conservatore e Responsabile dei manoscritti della Biblioteca dell’Accademia Nazionale dei Lincei e Corsiniana (Roma).



Bibliografia essenziale 

-A. Petrucci, Catalogo sommario dei manoscritti del fondo Rossi, Accademia Nazionale dei Lincei, Roma 1977;

-J. Dietterle, Die "Summae confessorum", in Zeits. f. Kirchengeschichte, XXVII (1906), pp. 156- 169;

- J.A. Szirmai, The Archaelogy of Medieval Bookbinding, 1999;

-P. Quilici, Breve storia della legatura d'arte dalle origini ai nostri giorni. IV. Il Rinascimento: legature italiane, in ‘Il bibliotecario’, 14, Bulzoni Editore, Roma (1987), pp. 53-106;

-G. Bozzacchi, Realizzazione nel medioevo di un codice membranaceo in area latina, 1994.Le culte et ses rites- pp 215-232;

- G. Bozzacchi, C. Sorrentino, Tecniche di decorazione delle legature in cuoio nell’area mediterranea-Beni Culturali anno XIX n° “ pp. 2-8;

-A. Giacomello, Restauro di due codici del XV secolo, 1994;

-R. Larsen, M. Vest and K. Nielsen: ‘Determination of Hydrothermal Stability (Shrinkage Temperature) of Historical Leather by the Micro Hot Table Technique’ . Journal of the Society of Leather Technologists and Chemists 77 (1993), p. 151-156;

-Maria Plossi Zappalà, Modified starches for library and archives conservation: effect on paper, Intemational conference on conservation and restoration of archival and library materials- Erice, 22nd-29th April 1996, pp. 891-906;

-R. Thompson, Conservation of Leather and Related Materials, Elsevier 2006, pp.58-65;

-S. Borrego, O. Vald´es, I. Vivar, P. Lavin, P. Guiamet, P. Battistoni, S. G´omez de Saravia, and P. Borges, Research Article: Essential Oils of Plants as Biocides against Microorganisms Isolated from Cuban and Argentine Documentary Heritage,Volume 2012, Article ID 826786, p.7;

-Abigail B. Quandt, “Recent developments in the conservation of parchment Manuscripts,” The Book and Paper Group Annual, 15 (1996): pp. 99-115;

-M. Morgana, Il restauro dei libri antichi, Reprint antichi manuali Hoepli, Istituto editoriale cisalpino-goliardica, Milano, 1979;

-L. Meersseman, Etude du compotement mécanique d’une reliure de la fin du XVe siècle;

– Le Missel Cambrai, CeROArt, 2013;

Relativa publicazione per la sperimentazione degli amidi e gli oli essenziali:

C. Argentino, F. Pascalicchio, D. Ruggiero, M.C. Sclocchi, L. De Napoli, G. Bozzacchi, Gli oli essenziali e il restauro dei beni archivistici librari: connubio possibile?, Natural 1 novembre, p. 44, Roma, 2016;