Su questo sito si utilizzano cookies tecnici e di terze parti. Proseguendo la navigazioni accetti.

GRU>ARCHIVIO>ABSTRACT>Colucci Simeone - Achille d'Orsi, Il busto ritratto di Mario Pagano del museo di San Martino di Napoli: un gesso nobilitato*
L’elaborato comprende una ricerca a tutto tondo, storico-artistica, scientifica e tecnica, sull’opera in gesso con colorazione artificiale color bronzo conservata al Museo di San Martino di Napoli,
il busto ritratto di Mario Pagano del maestro Achille d’Orsi, e una ricerca scientifica sulla composizione chimico-fisica delle pellicole pittorica imitanti il bronzo sui busti napoletani del XIX secolo. L’elaborato si divide in due parti: nella prima si affrontano ricerche storiche circa la poetica e le specifiche condizioni storiche-artistiche nel XIX secolo a Napoli; realismo sociale in Europa e approfondimento sui movimenti culturali napoletani. Occupa gran parte dello scritto una ricerca improntata sul particolare caso dell’individuazione del personaggio ritratto nel busto di Achille d’Orsi e, inoltre, sulle differenze della lavorazione delle opere. Un’importante fetta della prima parte è interessata dall’intervento di restauro eseguito sull’opera, e tutte le ulteriori descrizioni riguardo alla documentazione necessaria, degli interventi, delle analisi e dei prodotti utilizzati. La seconda parte dell’elaborato tratta della tendenza di colorare le opere in gesso a imitazione del bronzo, che ha interessato la scultura napoletana dalle metà del 1800 agli inizi del XX secolo. Questa parte storica è stata corredata da ricerche storiche, con il supporto di un’analisi di una rappresentanza di campioni prelevati da busti in gesso (con colorazioni artificiali a imitazione del bronzo), anch’essi conservati nel Museo di San Martino di Napoli. La seconda parte del lavoro di tesi ha perciò dato la possibilità di indagare gli aspetti più pratici di una lavorazione che quasi mai è stata posta sotto la lente di ingrandimento in altre sedi, e dunque di dare importanti riferimenti scientifici in vista di futuri interventi di restauro.
 
* Tesi di diploma accademico di secondo livello ciclo unico quinquennale in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali conseguita presso Accademia di Belle arti di Napoli,  a.a. 2015/2016. Relatori: Luciana Festa; Correlatori: Giovanna Cassese, Fabio Speranza.

Bibliografia essenziale
  • AA.VV. Problemi conservativi dei manufatti dell’Ottocento. Parte prima: i dipinti, la carta, i gessi, atti delle giornate di studio, Milano, Spazio Oberdan, Maggio 2006, Il prato casa editrice, 2008; 

  • F. ARAMINI, M. BARTOLINI, E.O. CALIGARIS, L. D’AGOSTINO, C. GIOVANNONE, G. SIDOTI, M. TORRE, Lo stato dell’arte 13, Centro per la Conservazione ed il Restauro dei Beni Culturali, La Venaria Reale - Torino, 22/24 Ottobre 2015, congresso annuale, Firenze, Nardini editore;
  • L. BERNARDINI, A. CAPUTO CALLOUD, M. MASTROCOCCO, La scultura italiana dal XV al XX secolo nei calchi della Gipsoteca, Firenze, Cassa di risparmio, 1989;  
  • L. BORGIOLI, F. GIOVANNONI, S. GIOVANNONI, Un nuovo supportante per la pulitura degli affreschi, il Carbogel in Kermes (Ottobre – Dicembre 2001), Firenze, Nardini editore, 2001;
  • G. CASSESE, Le gipsoteche delle Accademie di Belle Arti in Italia: uno straordinario patrimonio identitario in G. Cipolla, la Gipsoteca dell’Accademia di Palermo. Conoscenza, conservazione e divulgazione scientifica, Palermo 2016, pp. 8 – 17;
  • G. CASSESE, La funzione didattica dei gessi tra passato e futuro, in S. Bellesi Accademia di Belle Arti di Firenze. Scultura 1784-1915, Firenze University Press 2016, pp. 129 – 148;
  • S. CROCE, P. BOLTRI, A. LUCCHINI, Progettare con il gesso, Milano, BeMA, 1992;
  • A. CECIONI, Concetti d’arte sull’esposizione di Napoli del 1877, Tipografia della Gazzetta d’Italia, 1877; 

  • P. CLERIN, Manuale di scultura, Roma, Sovera , 1995;

  • L. D’ALESSANDRO, F. PERSEGATI, Scultura e calchi in gesso: storia, tecniche e conservazione, Roma, L’Erma di Bretschneider, 1987; 

  • M. S. DE MARINIS , Il tempo, la vita e l’arte di Achille d’Orsi, L’Aquila, Japadre editore, 1984;
  • M. S. DE MARINIS, Ai confini d’Europa: scultori meridionali a Napoli tra Ottocento e Novecento, Napoli, Ist. Italiano degli studi filosofici, 2009;
  • D. FRAZZONI, Il gesso e i suoi vari usi: manuale per la pratica conoscenza ed impiego dei vari prodotti della pietra da gesso, Milano, Hoepli, 1934; 
  • A. GIUFFREDI, Manuale delle tecniche di formatura e fonderia, Firenze, Alinea editrice, 2006; 
  • A. GIUSTI, Sculture da conservare. Studi per una tecnologia dei calchi, Milano, Vallardi e associati, 1990;
  • M.C.LAURENTI, Il restauro dei calchi in gesso, in Archeologia classica, vol.46, 1994;
  • F. TALARICO, C. CALDI, M. VALENZUELA, C. ZACCHEO, A. ZAMPA, M.P. NUGARI, Applicazione dei gel come supportanti nel restauro in Bollettino ICR nuova serie - n.3, Roma, 2001;
  • I. VALENTE, Il bello o il vero, la scultura napoletana del secondo ottocento e del primo novecento: contesti, Longobardi editore, 2014;
  • S. VIGEZZI, La scultura italiana dell’Ottocento, Milano, Caschina, 1932;
  • R. WOLBERS, Gel residue studies at the GCI: Implications for testing methodologies and future research, in Materiali tradizionali ed innovativi nella pulitura dei dipinti e delle opere policrome mobili: atti del convegno, Piazzola su Brenta (PD), 25-26 ottobre 2002 p. 17-21, Il Prato, 2002;