Su questo sito si utilizzano cookies tecnici e di terze parti. Proseguendo la navigazioni accetti.

GRU>ARCHIVIO>ABSTRACT>Cona Chiara - Scavo archeologico di Sant’Ambrogio di Valpolicella: restauro, studio e restituzione grafica della documentazione del pavimento del vano A*
Tra la fine del 2009 e il 2011, durante una campagna di scavo a Sant’Ambrogio di Valpolicella (Verona), è emerso un abitato romano con apparati musivi (due stanze nominate vano A e vano B) di epoca tardoantica (III-IV secolo d.C.). Il mosaico oggetto di questo studio (vano A sezione 2) è stato distaccato nel 2013 a cura della Soprintendenza per i Beni Archeologici del Veneto, precisamente dal Nucleo Operativo di Verona. È stato successivamente trasferito nell’Accademia di Belle Arti nell’ottobre del 2015.

Questo elaborato prevede lo studio, il restauro e la restituzione grafica degli interventi effettuati sul tappeto musivo. Lo studio preliminare del manufatto è corredato della sua collocazione cronostorica oltre a comparazioni in ambito veronese con tipologie musive dello stesso periodo. Vengono, in seguito, descritti gli interventi pregressi in situ e di distacco a completezza dell’elaborato. L’attuale intervento di restauro è minuziosamente corredato di documentazione fotografica e grafica; esso, infatti, consta di varie fasi: documentazione degli interventi effettuati sul retro, documentazione dell’operazione di ricollocamento e degli interventi sul fronte, nonché delle integrazioni delle lacune. L’intervento descritto nell’elaborato è maggiormente focalizzato su alcune porzioni del mosaico.


Rilievo e stampa 3D ad integrazione di una lacuna di un mosaico pavimentale 

L’approfondimento tecnico-scientifico affrontato in questa tesi è mirato ad avvalorare la nuova tecnologia digitale 3D, partendo dallo studio della forma e del colore, in relazione alle tessere e alla loro distribuzione nel tessuto musivo (geometria costruttiva del modulo), tenendo conto della loro bidimensionalità e del loro potenziale tridimensionale. Esistono determinati parametri che aiutano l’operatore nella restituzione grafica e materica delle integrazioni delle parti mancanti: la tecnologia 3D sublima le conoscenze del restauratore e la sua capacità di lettura del tessuto musivo con la più immediata restituzione materica del 3D. Attraverso i procedimenti di rilievo, di modellazione e di stampa 3D si raggiunge, in maniera sperimentale, la produzione di un elemento tridimensionale a completezza dell’integrazione della lacuna.


*Tesi di Laurea Magistrale a ciclo unico quinquennale in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali (DASLQ01) conseguita presso l’Accademia di Belle Arti di Verona, a.a. 2016/2017. Relatore del progetto Annalisa Marcucci; relatore della tesi: Daniele Francaviglia. 


Bibliografia essenziale progetto 

ANTOLINI L., L’Ipogeo di Santa Maria in Stelle. Guida storico-artistica, Verona, 2006;

BAZERLA F., Raccolta di campioni di marmi o pietre della provincia di Verona, in «Esposizione Generale Italiana. II Edizione», Torino, 1884;

BOSELLINI A., CARRO F., CORSI M., DE VECCHI G. P., MACARODA R., STURANI C., UNGARO S., ZANETTIN B., Note illustrative della carta geologica d’Italia alla scala 1:100000 – Foglio 49 Verona, Roma, Nuova tecnica grafica, 1967;

CARRARO F., MACARODA R., PICCOLI G., STURANI C., VENZO S., Note illustrative della carta geologica d’Italia alla scala 1:100000 – Foglio 48 Peschiera del Garda, Ercolano, Puligrafica & Cartevalori, 1969;

DAVID M. V., MACCANI C., L’Ipogeo tardoantico di Santa Maria in Stelle(Verona). Stato degli studi e nuove osservazioni, tesi di laurea in Archeologia della tarda antichità; 

DYGGVE E., Sui mosaici pavimentali, in «Stucchi e mosaici alto medievali», Verona-Vicenza-Brescia, 1962;

FIORENTINI RONCUZZI I., Il mosaico: materiali e tecniche dalle origini a oggi, Ravenna: Longo editore, 1984;

FIORI C., RICCOBENE R., TEDESCHI C., Tecniche di distacco nel restauro dei mosaici, Padova, Il Prato, 2008;

FIORI C., VANDINI M., Teorie e tecniche per la conservazione del mosaico, Padova, Il Prato, 2002; 

FIORI C., VANDINI M., CASAGRANDE F., L’integrazione delle lacune nel restauro dei mosaici, Padova, Il Prato, 2005;

GHISLANZONI E., La Villa Romana in Desenzano, Milano, Treccani degli Alfieri, 1962;

MAIOLI M. G., PERPIGNANI P., RACAGNI P., Pavimenta: le tipologie storiche del mosaico pavimentale: mostra didattica, Ravenna, 2001;

PERINA L., ZANONI R., Impara l’arte. Le tecniche di base della creazione artistica, Firenze, Giunti Editore, 2003; 

PERPIGNANI P., RACAGNI P., Martellina e tagliolo: strumenti di un’arte antica, Archeomatica n. 0 novembre 2009;

RINALDI F., Mosaici e pavimenti del Veneto: provincie di Padova, Rovigo, Verona e Vicenza (1 sec. a.C. – 6 sec. d.C.), Roma, 2007;

TULLIO F., Villa romana e monumenti di Desenzano del Garda, Brescia, Editore Sardini, 1981;

Décor I, Lé décor géométrique de la mosaïque romaine. Répertorie graphique et descriptif des compositions linéaires et isotropes, a cura di C. Balmelle, M. Blanchard, J. Christophe, J.-P. Darmon, A.M. Guimier-Sorbets, H. Lavagne, R. Proud-homme, H. Stern, p. 231, tav. 150, figg. a-f, p.338, tav.217, fig. e - Paris 1985;

Décor II, Lé décor géométrique de la mosaïque romaine. Répertorie graphique et descriptif des compositions centrées, a cura di C. Balmelle, M. Blanchard, J. Christophe, J.-P. Darmon, A.M. Guimier-Sorbets, H. Lavagne, M.-P. Raynaud, H. Stern p. 226, tav. 405, fig. b. – Paris 2002;

Raccomandazioni Normal n. 1/88, Alterazioni macroscopiche dei materiali lapidei: Lessico, Istituto Centrale del Restauro, Roma 1990;

Il paesaggio antropico della Valpolicella Romana (a cura di S. Cordioli), in Annuario storico della Valpolicella, 2010-2011;

La villa romana di Negrar: storia delle ricerche (a cura di S. Piacentin), in Annuario storico della Valpolicella, 2010-2011; 

S. Ambrogio di Valpolicella (Verona): abitato dell’età del Ferro e complesso insediativo di età romana (a cura di D. Brombo), in QdAV, XXVIII, 2012;

Relazione tecnica: Mosaici pavimentali policromi della villa romana – Intervento di stacco dei mosaici; restauratore Diego Malvestio, 2013;
SANSONI U., Il nodo di Salomonehttp://www.meetingrimini.org/detail.asp?c=1&p=6&id=457&key=3&pfix= 

La capanna retica: http://www.sistemibz.it/gab/la_capanna_retica.htm. 

Terme Romanehttps://it.wikipedia.org/wiki/Terme_romane. 


BIbiografia essenziale tesi

ARBACE L., SONNINO E., CALLIERI M., DALLEPIANE M., FABBRI M., IDELSON A.I., SCOPIGNO R., Innovative use of 3D digital technologies to assist the restoration of a fragmented terracotta statue, Elsevier-Journal og Cultural Heritage, Vol. 2654, 2012; 

ARNHEIM R., Arte e percezione visiva, Milano, Feltrinelli, 2008;

BARTOLUCCI D., Principi di laser scanning 3D, edito da Dario Flaccovio Editore;

BERALDIN J.-A., Integration of laser scanning and close-range photogrammetry – the last decade and beyond, XXth ISPRS congress, Istanbul, Turkey, July 12-23 2004 NRC 46567;

BERALDIN J.-A., PICARD M., EL-HAKIM S.F., GODIN G., VALZANO V., BANDIERA A., Combining 3D technologies for cultural heritage interpretation and entertainment, Electronic Imaging 2005, International Society for Optics and Photonics, 2005;

BERNARDINI F., MARTIN I.M., RUSHMEIER H., High-Quality Reconstruction from Multiple Scans, IEEE Transactions on Visualization and Computer Graphics, Vol. 7(4), 2001;

BIGLIARDI G., DIONI P., PANICO G., MICHIARA G., RAVASI L., ROMANO M.G., Restauro e innovazione al Palazzo Ducale di Mantova: la stampa 3D a servizio dei Gonzaga, Archeomatica n°3 settembre 2015;

BRAGHIERI A., CAPETTA S., CIMINO D., MAMBRIN M., MORATTI V., POLI T., ROLLO G., Utilizzo della stampa 3D per la ricostruzione di parti mancanti nel restauro di due sculture lignee antiche, Il restauro nell’era della fabbricazione digitale, Parma, 5 novembre 2016, a cura di Cesmar7 in collaborazione con 3D ArcheoLab e FabLab Parma;

CALÒ S., La terza dimensione in Archeologia-Il 3D tra comunicazione e metodo scientifico: semplice attributo o un nuovo modo di analizzare la cultura materiale, Archeomaticha n°2 Giugno 2016; 

CONSOLE E., Un Sistema integrato per il restauro virtuale e la diagnostica non invasive dei manufatti, Archeomatica, n°3, settembre 2014; 

DIONISI G., JASINK A.M., LAZZI G., LICARI D, Restauro Archeologico e Restauro Librario – due diverse applicazioni del restauro virtuale per la conservazione del patrimonio dei Beni Culturali, Archeomatica n°1 Marzo 2015;

FASOLO M., La stampa che sta cambiando il mondo, Archeomatica n °3 novembre 2015; 

FIORI C., MAZZOTTI V., VANDINI M., I colori del vetro antico. Il vetro musivo bizantino, Padova, Il Prato, 2004;

FIORI C., VANDINI M., CASAGRANDE F., L’integrazione delle lacune nel restauro dei mosaici, Padova, Il Prato, 2008;

GALEAZZI F., Towards the definition of best 3D practices in archaeology: Assessing 3D documentation techniques for intra-site data recording, Journal of Cultural Heritage, 2016, Vol. 17;

GODIN G., BERALDIN J.-A., TAYLOR J., COURNOYER L., RIOUX M., EL-HAKIM S., BARIBEAU R., BLAIS F., BOULANGER P., DOMEY J., PICARD M., Active Optical 3D imaging for Heritage Applications, IEEE Computer Graphics and Applications, 22(5), 2002;

HUANG T.-C., C:-LIN Y., From 3D modeling to 3D printing: Development of a differentiated spatial ability teaching model, Telematics and Informatics, Vol.34 (2), 2017, Elsevier; 

ITTEN J., L’arte del colore, Milano, Il Saggiatore, 2002, p.49;

KANIZSA G., Grammatica del vedere – saggi su percezione e gestalt, Il Mulino, Bologna, 1997; 

KATZ D., La psicologia della forma, Bollati Boringhieri, Torino, 1979;

KOHLER W., La psicologia della Gestalt, Feltrinelli, Milano;

KOUTSOUDIS A., VIDMAR B., ARNAOUTOGLOU F. Performance evaluation of a multi-image 3D reconstruction software on a low-feature artefact, Journal of Archaeological Science, 2013, Vol. 40 (12);

LIMONCELLI M., GERMINARIO C., Dal rilievo in Camera-scanner alla piattaforma di fruizione QTVR-based stereoscopica. Metodologie integrate per il monitoraggio e la valorizzazione delle superfici pittoriche in ambiente rupestre, Archeomatica n°1 marzo 2016;

MARCATO L., SAMBIN M., Percezione e architettura, Raffaello Cortina Editore, Milano, 1999;

MENNA F., NOCERINO E., REMONDINO F., DALLEPIANE M., CALLERI M., SCOPIGNO R.; 3D Digitalization of an Heritage Masterpice- A critical analysis on quality assessment ISPRS-International Archives of the Photogrammetry, Remote Sensing and Spatial Information Sciences, Vol. XLI-B5, XXIII ISPRS Congress, 12-19 July 2016, Prague, Czech Republic, 2016;

MOCHI ONORI G., OSTILI M., PARODI G. P., L’evoluzione della fisica, Torino, Paravia, 2007;

NEWTON, Ottica, 1704; 

PICCILLO E., ZISA F., Museologia e tecnologia 3D Applicazione sui reperti del Museo Archeologico di Aidone in mostra al The J. Paul Getty Museum (Malibu, aprile 2012-gennaio 2013), Archeomatica n° 4 dicembre 2014;

PIGNATELLI F., L’evoluzione della stampa 3D e le sue applicazioni in campo museale, SCIRES-IT, Vol.3(2), 2013;

POTENZIANI M., CALLIERI M., DELLEPIANE M., CORSINI M., PONCHINO F., SCOPIGNO R., 3DHOP una piattaforma flessibile per la pubblicazione e visualizzazione su Web dei risultati di digitalizzazione 3D, Archeomatica n. 4 dicembre 2015;

RIVOLA R., CASTAGNETTI C., BERTACCHINI E., CASAGRANDE F., Le tecniche geomatiche a supporto dei Beni Culturali- Digitalizzazione e stampa 3D di un mosaico a tecnica bizantina a scopo documentativo e conservativo, Archeomatica n°1 Marzo 2016; 

SABRY F., EL-HAKIM; Three-dimensional Modeling of Complex environments, Photonics West 2001- Electronic Imaging. International Society for Optics and Photonics, Vol. 4309, San Jose, 2001;

SCOPIGNO R., CIGNONI P., PIETRONI N., CALLIERI M., DELLEPIANE M., Digital fabrication technologies for cultural heritage (STAR), 12th Eurographics Workshop on Graphics and Cultural Heritage, Darmstadt, Germany, Vol.10, 2014, October;

BELTRAMI A., 3D. il restauro fatto e stampatohttps://www.avvenire.it/agora/pagine/il-restauro-fatto-e-stampato. 

BIGLIARDI G., 3D Archeolab: la stampa 3D per i Beni Culturali: www.stampa3d-forum.it/3d. BIGLIARDI G., Software low-cost per il rilievo 3D: www.3d-archeolab.it.

BOSCAROL M., Colore, 2007: http://www.boscarol.com

GRUSSU A., Cos’è la percezione?http://www.alessandrogrussu.it/txt/Percezione.pdf. 

SEGA A., Come funziona una stampante 3D?; Stampa3DForum.it. 

STARACE B., Che materiali per la stampa?: Stampa3DForum.it. 

STARACE B., PLA vs ABS, qual’è il migliore?http://www.stampa3d-forum.it 

TASSINARI A.; Scanner 3D per la stampa 3D: www.stampa-3d-forum.it. 

3DFZephyr: http://www.3dflow.net. 

Agisoft Photoscan: http://www.agisoft.com/ 

Assorbimento: https://goldbook.iupac.org/ 

Blenderhttps://www.blender.org/about/. 

Cristallino, Tesauro, del Nuovo Soggettario, BNCF, marzo 2013: http://thes.bncf.firenze.sbn.it/. 

Integrazione reversibile sulla danzatrice con i cembali di Antonio Canova, http://www.unocad.it/cms/index.php/storie-di-successo/integrazione-danzatrice-con-i-cembali. 

MeshLabhttp://meshlab.sourceforge.net/. 

Prototipazione rapida: https://it.wikipedia.org/wiki/Prototipazione_rapida. 

Psicofisica: http://www.garzantilinguistica.it/. 

Retina, Tesauro, del Nuovo Soggettario, BNCF, marzo 2013: http://thes.bncf.firenze.sbn.it/. 

Sistemi a scansione: http://www.geomaticaeconservazione.it/archivi/DispensaGeCo_SistemiScansione3D_dic2011. 

Indice di rifrazione, Tesauro, del Nuovo Soggettario, BNCF, marzo 2013: http://thes.bncf.firenze.sbn.it/. 

UnoCad: Reversible integration on the dancer with cembali by A. Canova: http://www.unocad.it/cms/index.php/storie-di-successo/integrazione-danzatrice-con-i-cembali, 2013.