Su questo sito si utilizzano cookies tecnici e di terze parti. Proseguendo la navigazioni accetti.

GRU>ARCHIVIO>ABSTRACT>Bernabè Francesca - La Natività con Santi di Diano Borello: un intervento conservativo di appianamento e consolidamento*
Il tema sviluppato in questa tesi si baserà sullo studio e sul restauro di un dipinto su tela raffigurante la Natività con Santa Lucia, San Vincenzo Martire e San Domenico, della seconda metà del XVII secolo.


Nel primo capitolo verrà affrontata una descrizione storica della Chiesa di San Michele Arcangelo, in provincia di Imperia, da cui proviene l’opera, e si esporranno alcune considerazioni sull’autore.

Le condizioni dell’opera si sono rilevate da subito allarmanti. Presentava un elevato degrado manifestato sul supporto e sul film pittorico, causato da un dilavamento prolungato.

Sulla zona superiore del dipinto erano presenti deformazioni verticali, attribuibili ad un restringimento del supporto, con conseguente formazione di sollevamenti “a tenda” della pellicola pittorica, e ampie cadute di colore.

Una particolarità di quest’opera è la presenza di una parte dipinta direttamente su un braccio del telaio, caratteristica questa che ci ha costretti a progettare l’intervento di appianamento e consolidamento mantenendo il dipinto vincolato a quel regolo.

Il progetto di restauro si è concentrato sul ripristino della planarità del supporto e sulla salvaguardia della pellicola pittorica, permettendo alle scaglie sollevate di trovare lo spazio per la riadesione.

Le fasi principali per questo intervento sono state: il consolidamento del fronte per l’immediata e urgente messa in sicurezza degli strati pittorici e un appianamento localizzato con il telaio ad elastici.

L’intervento di restauro è stato accompagnato da analisi diagnostiche, foto e rilievi grafici.




Consolidamento dei dipinti su tela: tre materiali a confronto

In questo approfondimento tecnico-scientifico verrà analizzato il supporto tessile e la tecnica esecutiva del dipinto su tela raffigurante la “Natività”, soffermandosi sui rispettivi degradi. Questo lavoro affonderà le sue radici sullo studio del consolidamento e di alcuni consolidanti termoplastici.

Saranno descritte le analisi diagnostiche effettuate sull’opera da cui sono stati prelevati una serie di campioni prima e dopo l’applicazione e l’attivazione del consolidante. Alcune analisi mirano a identificare la natura dell’appretto del supporto tessile, i materiali e i leganti presenti nelle preparazioni e nella pellicola pittorica.

In base a questi risultati verranno eseguiti dei test di simulazione, seguendo appunto, la stratigrafia dell’opera in oggetto, con lo scopo di confrontare i rapporti tra i diversi consolidanti. Lo stereomicroscopio evidenzierà eventuali cambiamenti sull’aspetto superficiale della pellicola pittorica, mentre l’analisi colorimetrica indicherà i parametri per valutare le variazioni di tinta, luminosità, e saturazione. Verranno, inoltre, prelevati dei campioni di materiale al fine di verificare il livello di penetrazione del consolidante e quindi la sua efficacia.



*Tesi di Laurea Magistrale a ciclo unico quinquennale in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali (DASLQ01) conseguita presso l’Accademia di Belle Arti di Verona, A.A. 2016/2017. Relatrice del progetto: Laura Rivali. Relatrice della tesi: Mirella Baldan. 


Bibliografia essenziale progetto 

ALDOVRANDI A., PICCOLO M., Metodi di documentazione e indagini non invasive sui dipinti, Padova, Il Prato, 1999;

BELLUCCI R., SCATRAGLI S., Restauro o riparazione per i dipinti su tela? Un’esperienza didattica, in “OPD Restauro” n.10, Firenze, 1998;

BORGIOLI L., BOSCHETTI E., SPLENDORE A., Appianamento della pellicola pittorica, in “Kermes” n.79, Firenze, Nardini, Luglio/Settembre 2010;

CREMONESI P., SIGNORINI E., Un approccio alla pulitura dei dipinti mobili, Padova, Il Prato, 2013;

D’ANNA G., MARCONI S., Preparazione e finitura delle opere pittoriche. Materiali e metodi, a cura di C. Maltese, Milano, Mursia, 1993;

DE MORO G., L’ultimo Cartelame di Tomaso Carrega (1780), in “Storia e cronaca degli apparati effimeri della Settimana Santa”; 

FINOZZI A., Esperienze recenti di non foderatura, in “Dipinti su tela. Problemi e prospettive per la conservazione”, Giornata di Studio, Ferrara, Il Prato, 1 Aprile 2006;

GIANOLIO A., L’analisi delle fibre tessili, Bologna, Zanichelli, 1987;

MASTRANDREA M., Considerazioni sul comportamento meccanico delle tele nelle fasi di montaggio su telaio, in “Dipinti su tela. Problemi e prospettive per la conservazione”, Giornata di Studio, Ferrara, Il Prato, 1 Aprile 2006; 

MATTEINI M., Le Patine: genesi, significato,conservazione, Firenze, Nardini, 2005;

NICODEMI G. B., Dizionario delle tecniche pittoriche antiche e moderne. Con voci di storia della pittura, Milano, Il Castello, 1977;

PIVA G., Acquerello e tempera. Tecnica pittorica, 3 ed., Milano, Hoepli, 1988;

POLDI G., VILLA G., Dalla conservazione alla storia dell'arte. Riflettografia e analisi non invasive per lo studio dei dipinti, Pisa, Scuola Normale Superiore, 2006; 

RIGGIARDI D., Interventi di restauro conservativo su dipinti senza disancorarli dal telaio originale, in “Lo stato dell'arte”, Atti del VII Congresso Nazionale IGIIC, Palermo, 2005; 

ROSSI DORIA M., Il consolidamento strutturale dei dipinti su tela secondo Gustav Berger. Valutazioni e riflessioni a trent’anni dall’introduzione del Beva 371, in “Progetto restauro”, Padova, Il Prato, 2005; 

ROSSI DORIA M., I trattamenti di consolidamento strutturale dei dipinti su tela fra tradizione e sperimentazione: aggiornamenti a partire dalla tradizione romana, in “Dipinti su tela. Problemi e prospettive per la conservazione”, a cura di M. Ciatti, E. Signorini, Giornata di Studio, Ferrara, Il Prato, 1 Aprile 2006; 

SCICOLONE G. C., Restauro del supporto senza ricorso alla foderatura: l'impiego di un adesivo poliuretanico, in “Kermes” n.8, Firenze, Nardini, 1990;

SCICOLONE G. C., La foderatura e gli interventi sostitutivi nelle opere contemporanee, in “OPD Restauro” n.5, Firenze, 1993; 

SCICOLONE G. C., Il restauro dei dipinti contemporanei. Dalle tecniche di intervento tradizionali alle metodologie innovative, Firenze, Nardini, 1993;

SISTA A., Apparati effimeri della Settimana Santa nel Ponente ligure, in “La Casana”, 1/2000, Gennaio/Marzo 2000; 

SISTA A., Apparati effimeri in Val Bormida e dintorni, in “L’Entroterra e il suo patrimonio artistico. Esperienze di valorizzazione e restauro”, a cura di G. Balbis, C. Prestipino, A. Sista, Atti del Convegno, Savona, 19 Aprile 2009;

VERDELLI M., PESENTI N., GORETTI M., Tecniche avanzate di sottovuoto nel restauro dei dipinti, a cura di M. Verdelli, Firenze, Edifir, 2000; 

VOLPIN S., APPOLONIA L., Le analisi di laboratorio applicate ai beni artistici policromi, Padova, Il Prato, 1999;

Borello. Villa del Castello di Diano nella sua storia, a cura di G. Ardissone, Albenga, tipolitografia F.lli Stalla, 2009;

Il Teatro dei Cartelami. Effimeri per la devozione in area mediterranea, a cura di F. Boggero, A. Sista, Genova, 2012; 

Wikipedia, Diano Borello: <https://it.wikipedia.org/wiki/Diano_Borello>

ICR, Triangolo delle solubilità: <http://www.icr.beniculturali.it/flash/progetti/TriSolv/TriSolv.html> 


Bibliografia essenziale tesi 

AGATI A. P., COLDAGELLI M. G., CONSONI C., I supporti nelle arti pittoriche. Storia, tecnica, restauro, a cura di C. Maltese, Milano, Mursia, 1990;

ARSLANOGLU J., Aquazol as Used in Conservation Practice, WAAC Newsletter Volume 26, Number 1, January 2004; 

BELLUCCI R., SCATRAGLI S., Restauro o riparazione per i dipinti su tela? Un’esperienza didattica, in OPD Restauro n.10, Firenze, 1998;

BELLUCCI R., RADICATI B., Le tecniche colorimetriche. Un’applicazione e una prospettiva di ricerca, in “Kermes” n.37, Firenze, Nardini, Gennaio/Marzo 2000; 

BONFATTI A. M., ROSSI E., SARDELLA A., Indagine sugli effetti del consolidamento di supporti cellulosici tessili a diversi stadi di degradazione, in “Kermes” n.22, Firenze, Nardini, Gennaio/Aprile 1995;

BONSANTI G., Per una definizione di “restauro”, in “Kermes” n.62, Firenze, Nardini, Aprile/Giugno 2006; 

BORGIOLI L., CREMONESI P., Le resine sintetiche usate nel trattamento di opere policrome, Padova, Il Prato, 2005;

CENNINI C., Il libro dell’arte (fine XIV - inizio XV secolo), a cura di F. Frezzato, Vicenza, Neri Pozza, 2009; 

D’ANNA G., MARCONI S., Preparazione e finitura delle opere pittoriche. Materiali e metodi, a cura di C. Maltese, Milano, Mursia, 1993;

DEL ZOTTO F., Tensionamento dei dipinti su tela: contributo per una ricerca metodologica applicata, in “Kermes” n.9, Firenze, Nardini, Settembre/Dicembre 1990; 

FASCE M., CARNASCIALI M., Osservazione con il microscopio ottico di adesivi applicati su dipinti con supporto cellulosico, in “L’attenzione alle Superfici Pittoriche”, a cura del CESMAR7, Atti del Congresso Internazionale Colore e Conservazione, Milano, Il Prato, 21-22 Novembre 2008;

GIANNINI C., ROANI R., Dizionario del restauro e della diagnostica, Firenze, Nardini, 2000. GIANOLIO A., L’analisi delle fibre tessili, Bologna, Zanichelli, 1987;

MATTEINI M., MOLES A., Tecniche della pittura antica: le preparazioni del supporto, in “Kermes”, n.4, Firenze, Nardini, Gennaio/Aprile 1989;

MICHALSKI S., Un modello fisico del processo di consolidamento, applicato principalmente ai dipinti, in “L’attenzione alle Superfici Pittoriche”, a cura del CESMAR7, Atti del Congresso Internazionale Colore e Conservazione, Milano, Il Prato, 10-11 Novembre 2006;

MONTAGNA G., I pigmenti. Prontuario per l’arte e il restauro, Firenze, Nardini, 1993; 

NICODEMI G. B., Dizionario delle tecniche pittoriche antiche e moderne. Con voci di storia della pittura, Milano, Il Castello, 1977;

PALAZZI S., Colorimetria. La scienza del colore nell’arte e nella tecnica, Firenze, Nardini, 1995;

PIVA G., Acquerello e tempera. Tecnica pittorica, 3 ed., Milano, Hoepli, 1988;

ROSSI DORIA M., Il consolidamento strutturale dei dipinti su tela secondo Gustav Berger. Valutazioni e riflessioni a trent’anni dall’introduzione del Beva 371, in “Progetto restauro”, Padova, Il Prato, 2005; 

ROSSI DORIA M., I trattamenti di consolidamento strutturale dei dipinti su tela fra tradizione e sperimentazione: aggiornamenti a partire dalla tradizione romana, in “Dipinti su tela. Problemi e prospettive per la conservazione”, a cura di M. Ciatti, E. Signorini, Giornata di Studio, Ferrara, Il Prato, 1 Aprile 2006; 

SCICOLONE G. C., Il restauro dei dipinti contemporanei. Dalle tecniche di intervento tradizionali alle metodologie innovative, Firenze, Nardini, 1993;

SCICOLONE G.C., La cinetica di degrado della cellulosa in funzione della progettazione degli interventi conservativi sui supporti cellulosici tessili, in “Interim Meeting: International Conference On Painting Conservation: Canvases Behaviour, Deterioration & Treatment”, Universitad Politecnica De Valencia, 9-11 Marzo 2005; 

SCICOLONE G. C., SCOPONI M., CANELLA E., ROSSETTI S., SCOPONI M., Polimeri a base di PVAc. Confronto di caratterizzazioni chimico-fisiche, comportamentali ed estetiche fra due polimeri a base di PVAc: Gustav Berger’s O.F. 371 e Lascaux 375, in “Kermes”, n.83, Firenze, Nardini, Luglio/Settembre 2011; 

TOCCI L., Valutazioni dell’Aquazol (PEOX-POLI 2-ETIL-2-OSSAZOLINA) utilizzato come consolidante della tela di supporto dei dipinti, in “Lo Stato dell’Arte”, Atti del VII Congresso Nazionale IGIIC, Napoli, 2009;

VOLPIN S., APPOLONIA L., Le analisi di laboratorio applicate ai beni artistici policromi, Padova, Il Prato, 1999; 

WEDDIGEN E., Una Introduzione agli Atti del 3° Congresso, in “L’attenzione alle Superfici Pittoriche”, a cura del CESMAR7, Atti del Congresso Internazionale Colore e Conservazione, Milano, Il Prato, 10-11 Novembre 2006;

Studio per la caratterizzazione chimico-fisica dei consolidanti. Valutazione della variazione delle proprietà chimico-fisiche con l’invecchiamento artificiale di undici adesivi, di origine naturale e sintetica, comunemente utilizzati come consolidanti nel restauro, a cura del Gruppo Chimico, in “L’attenzione alle Superfici Pittoriche”, a cura del CESMAR7, Atti del Congresso Internazionale Colore e Conservazione, Milano, Il Prato, 21-22 Novembre 2008;

NORMAL 3/80, Materiali lapidei: campionamento, 1980;

NORMA EUROPEA, UNI EN 15886, Metodi di prova. Misura del colore delle superfici, Novembre 2010;

NORMA EUROPEA, UNI EN 16085, Metodologia per il campionamento dei materiali costituenti i beni culturali, Agosto 2012;

NORMA ITALIANA, UNI 10829, Condizioni ambientali di conservazione, Luglio 1999;

Istituto superiore per la conservazione ed il restauro, l’istituto, storia, La storia dell’Istituto:
<http://www.icr.beniculturali.it/pagina.cfm?usz=1&uid=9>

Istituto superiore per la conservazione ed il restauro, restauro, Normativa, La Commissione Beni Culturali UNI-NorMal:
http://www.icr.beniculturali.it/pagina.cfm?umn=71&uid=127&usz=5>

Boscarol M., Colore, 2007:
<http://docplayer.it/3369427-Mauro-boscarol-1-colore.html>

Boscarol M., Colorimetria, 2007:
<http://www.boscarol.com/blog/?tag=colorimetria>