Su questo sito si utilizzano cookies tecnici e di terze parti. Proseguendo la navigazioni accetti.

GRU>ARCHIVIO>ABSTRACT>Cricchio Claudia - Il restauro del dipinto su tavola raffigurante l'adorazione dei pastori con santo vescovo. Reintegrazione plastica di elementi lacunosi mediante stampa 3D*
L’elaborato di tesi descrive l’intervento di restauro del dipinto cinquecentesco realizzato su tavola raffigurante l’Adorazione dei Pastori con Santo vescovo, di autore ignoto, oggi conservato presso i depositi della Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis di Palermo.
 
L’intero intervento di restauro è stato accompagnato da una fase di documentazione grafica e fotografica e una di ricerca, avvalendosi dell’esperienza di diverse personalità in campo storico-artistico e tecnico-scientifico che hanno consentito di ottenere informazioni utili sull’opera. 

Un’approfondita ricerca archivistica ha permesso di ricostruire la storia del dipinto e del suo trasferimento dalla sede originaria, l’Abbazia benedettina di San Martino delle Scale, fino all’attuale.
Lo studio storico-artistico, insieme a quello delle tecniche esecutive, ha permesso di confermare la realizzazione dell’opera negli ultimi decenni del Cinquecento. Il pittore sembra, infatti, uniformarsi alle scelte iconografiche che si diffondono in Sicilia nel periodo successivo alla Controriforma, anche grazie alla circolazione di incisioni, che sembrerebbero influire sull’impostazione sintetica e lo stile grafico del dipinto. Il confronto di alcuni dettagli stilistici con altri pittori noti attivi nell’ambiente palermitano del secondo Cinquecento, così come l’utilizzo di una tecnica mista per la stesura delle campiture avvalorerebbe questa tesi. 

L’intervento di restauro si è posto come obiettivo la restituzione di una buona lettura dell’opera, partendo da un’operazione di consolidamento che mirasse a preservare l’integrità di tutti gli strati costitutivi originari e rimuovendo, invece, gli interventi che ne deturpavano l’immagine.
Il proposito di ridare completezza alla cornice, priva di un elemento angolare ha stimolato la ricerca di metodi alternativi all’inserimento di elementi lignei, per cui è richiesta una buona manualità e la valutazione del comportamento alle variazioni termo-igrometriche simile al supporto originale, e ai calchi, peraltro se non vietati, ormai limitati dalla normativa vigente. 

«La funzione della cornice si definisce [...] come raccordo spaziale»1 afferma Cesare Brandi, in primo luogo «fra lo spazio fisico dell’ambiente in cui è immerso lo spettatore e la spazialità del dipinto»2 e in secondo luogo «fra questa spazialità e la spazialità propria della parete su cui il dipinto è collocato»3. Nel caso esaminato si è deciso di agire per trovare una soluzione rispettando i principi di riconoscibilità, reversibilità e compatibilità e ripristinare questo “raccordo spaziale”, mettendo al servizio del nostro studio tecniche di ingegneria inversa e materiali impiegati nel campo della stampa 3D.

Su questi ultimi si è condotta una fase sperimentale, atta a verificare la loro lavorabilità e la compatibilità con alcuni materiali adoperati nel campo del restauro. Prodotto della sperimentazione è stata la stampa, a partire da un filamento termoplastico contenente particelle legnose, di due elementi differentemente trattati. Le due finiture avanzate nella seconda parte di questo elaborato si propongono come sistemi di reintegrazione plastica reversibile, riconoscibile e compatibile con i materiali artistici tradizionali e impiegati nel campo del restauro, con l’ulteriore finalità di rendere maggiormente interattiva l’esperienza museale dei fruitori.

1 C. Brandi, Teoria..., p. 123.
2 Ibidem.
3 Ibidem. 


*Tesi di Laurea Magistrale a ciclo unico quinquennale in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali (LMR-02) conseguita presso Università degli studi di Palermo, a.a. 2015/2016. Relatori: Stefania Caramanna, Bartolomeo Megna; Correlatori: Francesco Di Paola, Evelina De Castro.


Bibliografia essenziale

Abbate F., Il Cinquecento, in Storia dell’arte nell’Italia meridionale, Donzelli, Roma, 2001;

Abbate V., Le collezioni della Galleria, in POLANO S., Carlo Scarpa: Palazzo Abatellis. La Galleria della Sicilia, Palermo 1953-1954, Electa, Milano, 1989; 

Abbate V., Tra fiaba di corte e realtà: l’“Adorazione del Bambino” nella pittura siciliana tra Cinque e Seicento, in DI NATALE M.C., ABBATE V. (a cura di), In Epiphania Domini. L’adorazione dei Magi nell’arte siciliana, Archivio Fotografico delle Arti minori in Sicilia, Palermo, 1992; 

Abbate V., «Ut mei gazophilacii...nova incrementa pernosceres»: Salvadore Maria Di Blasi e il Museo Martiniano, in ABBATE V., Wunderkammer siciliana. Alle origini del museo perduto, Electa, Napoli, 2001; 

Alberghina M. F. et al (2017), Integrated three-dimensional models for noninvasive monitoring and valorization of the Morgantina silver treasure (Sicily), Journal of Electronic Imaging, Jan/Feb 2017, vol. 26 (1);

Arbace I. et al. (2012), Innovative uses of 3D digital technologies to assist the restoration of a fragmented terracotta statue,Elsevier;

Asla M. Sa et al. (2012), Parametric 3D-fitted frames for packaging heritage artefacts, The 13th International Symposium on Virtual Reality, Archaeology and Cultural Heritage VAST (2012);

Autori Vari, Bibliotheca Sanctorum, III vol., Città Nuova, Roma, 1961; 

Bandyopadhyay A., Bose S., Additive manufacturing, CRC Press, Boca Raton, 2016; 

Barricelli A., La pittura in Sicilia dalla fine del Quattrocento alla Controriforma, in Storia della Sicilia, Volume decimo, diretto da Rosario Romeo, Società editrice Storia di Napoli e della Sicilia, Palermo, 1977-1981;

Bigliardi G. et al. (2015), Restauro e innovazione al Palazzo Ducale di Mantova: la stampa 3D al servizio dei Gonzaga, Archeomatica, VI (3) 189;

Borgioli I., Cremonesi P., Le resine sintetiche usate nel trattamento di opere policrome, Il Prato, Padova, 2005; 

Brandi C., Teoria del restauro, G. Einaudi, Torino, 2000;

Cennini C., Il libro dell’arte, a cura di Fabio Frezzato, Neri Pozza editore, Vicenza, 2003;

Ciatti M., Appunti per un manuale di storia e di teoria del restauro: dispense per gli studenti, Edifir, Firenze, 2009;

Ciocchetti C., Munzi C. (2007), La Balsite: un nuovo materiale per il risanamento dei supporti lignei e per la realizzazione di parti mancanti, Bollettino ICR, n. 15;

Comanini G., Il Figino, in BAROCCHI P. (a cura di), Trattati d’arte del Cinquecento. Fra Manierismo e Controriforma, volume secondo, G. Laterza, Bari, 1961; 

Cremonesi P., L’ambiente acquoso per la pulitura di opere policrome, Il Prato, Padova, 2011;

Cremonesi P., Signorini E., Un approccio alla pulitura di dipinti mobili, Il Prato, Padova, 2012

Danesi A., Gambardella S. (2001), Rilievo digitale a "luce strutturata": l'uso di una tecnologia di prototipazione rapida industriale per la ricostruzione di un cratere bronzeo del VI sec. a.C., IX Congresso Nazionale IGIIC- Lo Stato dell’Arte- Cosenza, 13- 15 ottobre 2011;

De Vecchi P., Cerchiari E., Arte nel tempo. Dalla crisi della Maniera al Rococò, Bompiani, Milano, 1997;

Di Blasi S. M., Breve ragguaglio del Monastero di S. Martino delle Scale de’ PP. Benedittini di Palermo, dato in una lettera al signor cavalier D. Gaetano Filangeri de’ Principi di Arianello, in Opuscoli dei Autori siciliani, tomo XV, Palermo, 1774;

Equizzi R., Palermo San Martino delle Scale. La collezione archeologica, L’Erma, Roma, 2006; 

Favretto P., L’annunzio ai pastori, in DE GRADA R. (a cura di), La Natività nell’arte, Grafica & Arte, Bergamo, 2002;

Gibson I., Rosen D., Stucker B., Additive manufacturing technologies. 3D printing, rapid prototyping, and direct digital manufacturing, Springer, Berlino, 2015;

Hall J., Dizionario dei soggetti e dei simboli nell’arte, Longanesi, Milano, 1983; 

I. Da Varazze, Vitale Brovarone A., e L., Legenda aurea, G. Einaudi, Torino, 1995; 

Jamshidian M. et al. (2010), Poly-lactic acid: production, apllication, nanocomposites, and release studies, comprehensive reviews in food science and food safety, vol. 9, 190; 

Lo Piccolo F., Strategie familiari e dinamica delle professioni a San Martino delle Scale tra il XVI ed il XIX secolo, in DI NATALE M.C., MESSINA CICCHETTI F. (a cura di), L’eredità di Angelo Sinisio. L’Abbazia di San Martino delle Scale dal XIV al XX secolo, Regione Siciliana – Assessorato dei Beni Culturali, Ambientali e della Pubblica Istruzione, Palermo, 1997;

MALTESE C. (a cura di), Le tecniche artistiche, Mursia, Milano, 1973;

MALTESE C. (a cura di), Preparazione e finitura delle opere pittoriche. Materiali e metodi; preparazioni e imprimiture, leganti, vernici, cornici, Mursia, Milano, 1993;

Manzone A., Il restauro del dipinto su tela raffigurante una figura di santa, tesi di laurea discussa alla facoltà di Conservazione e Restauro dei Beni Culturali di Palermo, A.A. 2014/2015;

Masetti Bitelli I. (a cura di) Istituto per i beni artistici, culturali e naturali della regione Emilia-Romagna, Restauro dei dipinti su tavola: i supporti, Nardini, Fiesole, 1999;

Massa V. Scicolone G, Le vernici per il restauro. I leganti, Nardini, Firenze, 1991; 

Matteini M. Moles A., La chimica nel restauro. I materiali dell’arte pittorica, Nardini, 2010;

Meli G., Catalogo degli oggetti d’arte dell’ex Monastero di S. Martino delle Scale presso Palermo, Palermo,1870;

Meli G., La Pinacoteca del Museo di Palermo. Dell’origine, del progresso, delle opere che contiene, Palermo, 1873; 

Merlo V., La fabbrica dell’Abbazia, in DI NATALE M.C., MESSINA CICCHETTI F. (a cura di), L’eredità di Angelo Sinisio. L’Abbazia di San Martino delle Scale dal XIV al XX secolo, Regione Siciliana – Assessorato dei Beni Culturali, Ambientali e della Pubblica Istruzione, Palermo, 1997; 

Morello P., Breve storia di Palazzo abatellis, in Polano S., Carlo Scarpa: Palazzo Abatellis. La Galleria della Sicilia, Palermo 1953-1954, Electa, Milano, 1989;

Paleotti G., Discorso intorno alle imagini, libro secondo, in BAROCCHI P. (a cura di), Trattati d’arte del Cinquecento. Fra Manierismo e Controriforma, volume secondo, G. Laterza, Bari, 1961;

Paolini C., Faldi M., Glossario delle tecniche pittoriche e del restauro, Istituto per l’Arte e il Restauro “Palazzo Spinelli”,  Firenze, 1999 

Pugliatti T., Giovan Paolo Fonduli cremonese: le fonti bibliografiche e i documenti, dispensa A.A. 2001/2002, Palermo, 2001, 191;

Pugliatti T.,  Il patrimonio pittorico dell’Abbazia di San Martino delle Scale. Una mostra ed una ipotesi interpretativa riguardo alla committenza benedettina, in DI NATALE M.C., MESSINA CICCHETTI F. (a cura di), L’eredità di Angelo Sinisio. L’Abbazia di San Martino delle Scale dal XIV al XX secolo, Regione Siciliana – Assessorato dei Beni Culturali, Ambientali e della Pubblica Istruzione, Palermo, 1997;

Pugliatti T., Pittura della tarda Maniera nella Sicilia occidentale (1557-1647), Kalós, Palermo, 2011; 

Pugliatti T., Pittura del Cinquecento in Sicilia. La Sicilia occidentale. 1484-1557, Electa, Napoli, 1998;

Riva F., Superficie in attesa. Processi di finitura superficiale per stampa 3D FDM, tesi di laurea discussa alla facoltà di Design e Engineering, Politecnico di Milano, A.A. 2012/2013;

Ruggeri Tricoli M. C., L’epifania del Fanciullo Divino ed i suoi archetipi architettonici nell’iconografia siciliana, in DI NATALE M.C., ABBATE V. (a cura di), In Epiphania Domini. L’adorazione dei Magi nell’arte siciliana, Archivio Fotografico delle Arti minori in Sicilia, Palermo, 1992;

Ruggiero M., Il presepe italiano. Storia di un costume, Il capitello, Torino, 1988;

Sabatelli F., Zambrano P., Colle E., La cornice italiana: dal Rinascimento al Neoclassico, Electa, Milano, 1992;

Salinas A., Del Real Museo di Palermo: relazione, Stabilimento tipografico Lao, Palermo, 1873; 

Stainer R.,  Specchio di impulsi spirituali, Vol. III, Antroposofica, Milano, 1995; 

Tosini I (1999), Il calco dei manufatti storico-artistici mediante elastomeri siliconici. Moulding of historic artefacts by siliconic agents. OPD Restauro, n. 111;

"More than just digital quilting", The Economist, 3 dicembre 2011;

Vasari G., Le vite dei più eccellenti pittori, scultori e architetti. Introduzione di Maurizio Marini, Newton Compton Editori, 2013; 

Viscuso T., Produzione e diffusione dell’opera d’arte nella Sicilia occidentale: un profilo, in Viscuso T. (a cura di), Vincenzo degli Azani da Pavia e la cultura figurativa in Sicilia nell’età di Carlo V, Ediprint, Siracusa, 1999;