Su questo sito si utilizzano cookies tecnici e di terze parti. Proseguendo la navigazioni accetti.

GRU>ARCHIVIO>ABSTRACT
L’oggetto dell’elaborato di tesi consiste nell’intervento di conservazione e restauro di un’opera contemporanea, in particolare di una scultura cinetico-magnetica di Davide Boriani, intitolata “Superficie magnetica”.
Il lavoro di tesi si propone di ripercorre il restauro dell'emblema raffigurante Ercole che uccide il leone di Nemea conservato al Museo Poldi Pezzoli di Milano, un'opera inedita, non ancora collocata dal punto di vista cronologico e dalla storia conservativa poco documentata.
Il presente elaborato di tesi descrive lo studio e l'iter progettuale finalizzato all'esecuzione del restauro pilota di un dipinto murale strappato. L’opera proviene dalla Reggia di Venaria, dove dal 1908 al 2004, ha costituito parte del ciclo pittorico che ornava la volta del rondò alfieriano.
L’opera dell’autore François Morellet (Cholet 1926 – Cholet 2016), cofondatore del GRAV di Parigi, datata tra il 1950 e il 1981, è conservata presso la Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea dei Musei Civici di Palazzo Buonaccorsi.

I due cassettoni, oggetto dell’elaborato di tesi, fanno parte, assieme ai quattro armadi, di un complesso architettonico ligneo della sacrestia dell’ex chiesa di Santa Maria in Brera.
Nell’arco dell’800 è stata smembrata e i sei arredi sono stati messi all’interno delle aule dell’Accademia ed adibiti alla didattica.

Il presente lavoro nasce dalla volontà di approfondire le tematiche legate alla conservazione e ai fenomenici artistici di arte contemporanea caratteristici dell’Art in Nature.

Nell’ambito di un progetto di ristrutturazione e recupero edilizio dell’edificio che era sede del Seminario Arcivescovile e che attualmente ospita il Museo Diocesano di Taranto sono stati inseriti diversi progetti di conservazione e restauro relativi alla collezione di opere d’arte di proprietà dell’Arcidiocesi di Taranto.

Il presente caso di studio ha come oggetto una scultura lapidea policroma rappresentante la Vergine col Bambino, conservata presso i depositi del Museo Civico d'Arte Antica di Palazzo Madama, a Torino.
L’opera trattata nell’elaborato di Tesi Magistrale è un dipinto murale corredato di cornice in stucco, rinvenuto in stato frammentario nella Casa del Bracciale d’Oro di Pompei e successivamente riassemblato su un pannello preformato in cemento armato.
Il presente elaborato di tesi riporta lo studio di un dipinto murale tardo trecentesco rappresentante le Nozze mistiche di santa Caterina d’Alessandria con un devoto, proveniente dalla Sala delle Capriate del Palazzo della Ragione e di proprietà dell’Accademia Carrara di Bergamo.
 Lo studio della rotella F.16, proveniente dall’ Armeria Reale di Torino ha riservato elementi distintivi inaspettati, che hanno dettato la necessità di specifici approfondimenti e verifiche.