Su questo sito si utilizzano cookies tecnici e di terze parti. Proseguendo la navigazioni accetti.

GRU>ARCHIVIO>ABSTRACT>Cantù Attilia - Restauro di un affresco staccato raffigurante “La Madonna col bambino, San Vincenzo Ferreri, Sant'Orsola e Santa Marta” collocato nell'antica chiesa di Sant’Orsola a Como*
Il restauratore comasco Torildo Conconi, tra il 1964 e il 1967, fu incaricato dal parroco don Antonio Clerici di salvare dal sicuro definitivo degrado gli affreschi dell’antica chiesa di Sant’Orsola. L'aula dell'antica chiesa, abbandonata nel Seicento per la costruzione di un nuovo e più maestoso edificio, era ormai utilizzata come magazzino e le pitture murali versavano in uno stato di totale abbandono.

 Le tecniche consolidate dello stacco e dello strappo offrivano la possibilità di sottrarre da un ambiente ormai inadatto le opere murali ivi conservate.

Purtroppo all'entusiasmo dell'operazione di stacco non seguì un'adeguata pianificazione, quindi, una volta staccati gli affreschi, probabilmente in condizioni precarie, gli stessi non hanno trovato una collocazione dignitosa e sono stati traslocati banalmente in una delle numerose stanze della casa parrocchiale.

Da una collocazione originale ma rischiosa si passò ad una più sicura per le condizioni di conservazione ma totalmente casuale.
Nel 2008, fortunatamente, l'architetto Salvatore Mugnani, coadiuvato dalla soprintendenza nella persona di dott. Daniele Pescarmona, ebbe l'incarico di riqualificare l'ambiente della vecchia chiesa e il restauratore Leonardo Camporini, allievo del Conconi, si occupò dei restauri degli affreschi ancora in sede e cominciò un'operazione di riordino di quelli già strappati.

Tale intervento però, come quello del Conconi negli anni Sessanta, non fu organizzato con sufficiente organicità e dopo pochi anni cessò.
Leonardo Camporini, infatti, restauròLa Deposizione Il Giudizio Universale,due affreschi facenti parte del ciclo più antico (1300), ma non concluse la serie di interventi necessari a restituire alla chiesa un suo ruolo. 

Oggi il locale della chiesa dovrebbe essere il museo delle opere antiche, ovvero degli affreschi staccati originariamente collocati in loco, ma invece è ancora un ambiente sottoutilizzato.
Il restauro affrontato riguarda uno degli affreschi staccati, raffigurante La Madonna col Bambino tra i Santi Vincenzo Ferreri, Orsola e Marta, con la sua ricollocazione nella chiesa antica, sperando che sia un punto di partenza per una totale ricollocazione delle opere.

La figura di Torildo Conconi ricorre nel territorio comasco molto spesso e si può senz'altro affermare che sia stato uno dei restauratori più attivi della metà del Novecento. La sua presenza nella chiesa di Sant’Orsola per un'operazione così importante ha sollecitato quindi le ricerche sulla sua attività esul modo di interpretare il suo ruolo professionale a metà strada tra l'artista e il restauratore.

Ho quindi voluto approfondire del Conconi, la vita e l'articolata attività lavorativa di pittore e restauratore la cui personalità risulta per certi versi contraddittoria sempre in conflitto tra la ricerca di una cifra stilistica individuale e il rigore accademico di stampo classico imposto dalla sua committenza.


* Tesi di diploma accademico di II livello a ciclo unico quinquennale in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali (DASLQ01) conseguito presso l’Accademia di belle arti Aldo Galli di Como, a.a. 2017/2018. Relatore coordinatore: Vanda Maria Franceschetti.



Bibliografia essenziale

Bibliografia storico-artistica

Atti della visita pastorale di Feliciano Ninguarda vescovo di Como (1589-1593), ordinati da Santo Monti, Società Storica Comense 1892-1898, ripubblicati presso New Press, Como, 1992;

CANI FABIO, MONIZZA GERARDO, Como e la sua Storia, I Borghi e le Frazioni, Nodo libri, Como, 1994;

G.P., Sant’Orsola una chiesa ignorata dalla maggior parte dei comaschi, in “Corriere della Provincia”, 19 ottobre 1964;

GREGORY M., Note su problemi lariani, in Pittura in Alto Lario e in Valtellina dall’Alto Medioevo alSettecento, Cariplo, Milano, 1995;

ISELLA ELENA, Gli Affreschi Trecenteschi dell’Antica Chiesa di Sant’Orsola a Como. In: ArteCristiana, Rivista Internazionale di Storia dell’Arte e di Arti Liturgiche. Vol. XCVIII, n. 855, 2009;

MUGNANI SALVATORE, relazione del progetto di restauro del 2008 dell’antica chiesa di Sant’Orsola, ASBC, Milano;

PANZARINO R., ANGELINI M., Santi e Simboli, EDB, Ferrara, 2012;

PEROGALLI CARLO, Architettura italiana dall’antichità al Liberty, Edizioni Martello, Vicenza, 1994;

PESCARMONA D., Como e Canton Ticino, in La pittura in Lombardia. Il Trecento, Milano 1993;

ROSSI MARCO, ROVETTA ALESSANDRA, Pittura in alto Lario tra quattro e cinquecento, Il vaglio cultura arte, 1988;

ROVI ALBERTO, Arte sacra in territorio lariano, Enzo Pifferi Editore, Como, 2002;

ROVI ALBERTO, MARAZZI LORENZO, 
Borgo di San Vitale in Como, Consiglio Pastorale, Como, 2006;

Sitografia storico-artistica

La rinascita di Sant’Orsolahttp://www.corrieredicomo.it/la-rinascita-di-santorsola/ [febbraio 2017]

Si ricompone il puzzle della chiesa di Sant’Orsolahttp://www.laprovinciadicomo.it/stories/cultura-e-spettacoli/109956_si_ricompone_il_puzzle_della_chiesa_di_s._orsola/ [novembre 2016]

Un tesoro ritrovato

http://www.artevarese.com/av/view/news.php?sys_tab=2000d&sys_docid=7475&sjl=1 [febbraio 2017]

Bibliografia tecnica

Art. Anzani Marilena, Rabbolini Alfiero, Toniutti Andrea, Borgioli Leonardo, Sant’Eugenio a Milano,120 m2 di pulitura ad Agar AgarIX Congresso Nazionale IGIIC, Lo Stato dell’Arte, Cosenza, 13-15 ottobre 2011;

Art. Bavastrelli Serena, Ebbreo Marta, L’Oratorio dei SS. Elena e Costantino di Palermo. Restauri e sperimentazione di nuovi supporti per affreschi staccati. IX Congresso Nazionale IGIIC, Lo Statodell’Arte, Cosenza, 13-15 ottobre 2011;

Art. Franceschetti Vanda Maria, Luzzani Elena, Soroldoni Luigi, Protocolli di descialbo di dipintimurali: esposizione di alcuni casi affrontati durante il corso di restauro di dipinti murali dell’Accademiadi Belle Arti Aldo Gallidi Como. XIII Congresso Nazionale IGIIC, Lo Stato dell’Arte, Torino, 22-24 ottobre 2015;

BANDINI F., BOTTICELLI G., MATTINI M., MOLES A., La sostituzione del supporto in dipinti murali staccati: una proposta alternativa utilizzante materiali esclusivamente minerali. Manutenzione e Conservazione del Costruito fra Tradizione e Innovazione, Bressanone, Opificio delle pietre dure, Firenze, 1986;

BANDINI S., BOTTICELLI G., SENSERINI U., GIUGGIUOLI G., Pitture murali: un metodo di preconsolidamento del colore, in “OPD Restauro”, 1991;

BISCONTIN G., DRIUSSI G., MAZZARI R., NICOLETTI R., ZENDRI E., Sviluppo di polimeri acrilici in dispersione acquosa per il consolidamento e la riaggregazione superficiale di pitture murali. Atti del convegno, Bressanone, 2005;

BISCONTIN G., DRIUSSI G., VOLPIN S., Il degrado degli intonaci: aspetti chimici e fisici, in“L’intonaco: storia, cultura e tecnologia”. Atti del convegno, Bressanone 24-27 giugno 1985, Libreria Progetto Editore, Padova, 1985;

BOTTICELLI GUIDO, BOTTICELLI SILVIA, Lezioni di restauro, Le pitture murali, Centro Di, Firenze, 2012;

BOTTICELLI GUIDO, Metodologia di restauro delle pitture murali, Centro Di, Firenze, 2010;

BOTTICELLI GUIDO, Una ricoesione materica del film pittorico dell’affresco attraverso unconsolidamento minerale. Esperienze e risultati, in En torno a la pintura mural, atti del secondo Corso Internazionale di Restauro, Anguilar de Campoo (Sagna), 1991;

BRANDI CESARE, Teoria del restauro (1963)Einaudi, Torino, 2000;

CAGNANA AURORA, 
I leganti, gli intonaci, gli stucchi, in Archeologia dei materiali da costruzione, Ed. S.A.P. s.r.l., Mantova, 2000;

CREMONESI PAOLO, L’uso di tensioattivi e chelanti nella pulitura di opere policrome, il Prato, Arti Grafiche Padovane, Saonara, 2001;

CREMONESI PAOLO, L’uso dei solventi organici nella pulitura di opere policrome, il Prato, Arti Grafiche Padovane, Padova, 2000;

DE CHIRICO GIORGIO, Piccolo trattato di tecnica pittorica (1928), Riedizione Abscondita, Milano, 2013;

FERRONI ENZO, DINI DINO, Esperienze sul sequestro di nitrati con tributilfosfato per il distacco e la conservazione degli affreschi. Atti della XLI Riunione della S.I.P.S., 1967;

LEONARDI CHIARA, Sviluppo di nuovi materiali geopolimerici per l’applicazione nel settore deibeni culturali, tesi di laurea sperimentale in Chimica IndustrialeUniversità di Bologna, 2010;

MATTEINI MAURO, MOLES ARCANGELO, La chimica nel restauro, I materiali dell’arte pittorica, Nardini Editore, Firenze, 2010;

MATTEINI MAURO, NEPOTI MARIA ROSA, Controllo analitico dei metodi di desolfatazione per la rimozione del gesso nelle pitture murali e in altri manufatti litici, in “OPD Restauro”, 1991;

PECCHIONI ELENA, FRATINI FABIO, CANTISANI EMMA, Le malte antiche e moderne tra tradizione ed innovazione, Patròn Editore, Bologna, 2008;

PECCHIONI ELENA, Le malte impiegate nel patrimonio culturale: caratterizzazione econservazione. Plinius n. 23, Supplemento all’EJM, Ed. Felici, Pisa, 2000;

PEDEMONTE ENRICO, FORNARI GABRIELLA, Chimica e restauro, Marsilio Editori, Venezia, 2003;

PINTO GUERRA EDGARDO, Risanamento di murature umide e degradate, sintomi e cause, rimedi, soluzioni progettuali, Dario Flaccovio Editore, Palermo, 2014;

SCHIELE E., BERENS L. W., La calce. Calcare, calce viva, idrato di calce, Edizioni Tecniche ET, Milano, 1976;

TUFANI ANGELA, Le malte nel restauro. Studio, ricerche, operatività, Ed. Ediart, Todi, 1987;

Sitografia tecnica

All’estero nei restauri si usano i geopolimeri, ma in Italia non è possibile,

http://www.fondoambiente.it/News/Beni-Culturali/Index.aspx?q=restauro-innovazione-all-estero- con-i-geopolimeri [agosto 2017].

Il restauro dei dipinti. Il restauro pittoricohttp://www.artenet.it/restauro/rei.htm [settembre 2017].

La velinatura. Riflessioni su un’operazione complicata,http://www.grupporestauratoriuniti.org/archivio-n/abstract/116-alba-paola-la-velinatura-riflessioni- su-un-operazione-problematica [settembre 2017].