Su questo sito si utilizzano cookies tecnici e di terze parti. Proseguendo la navigazioni accetti.

GRU>NEWS>EVENTI>La conservazione della ceramica all'aperto
 

La Conservazione Della Ceramica All'aperto

igiic-logo-full
Categoria
Convegni
Data
26 Novembre 2020 00:00
Luogo
MIC - Museo Internazionale della Ceramica
Faenza

La seconda edizione dell’appuntamento annuale, organizzato presso il Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza sul tema della conservazione e restauro della ceramica, riguarderà le opere collocate all’aperto. Fin dall’antichità il materiale ceramico è stato impiegato in ambiente esterno a scopo architettonico e decorativo, divenendo in tempi più recenti veicolo di espressioni artistiche caratterizzanti l’assetto urbano e volte anche alla sua rivalutazione. Tanti centri italiani, come Faenza, sono connotati da un diffuso patrimonio ceramico, che molto spesso finisce per essere indistintamente assorbito nella percezione generalizzata della città, a scapito della sua conoscenza e conservazione. La collocazione all’aperto inoltre sottopone le opere all’azione aggressiva dei fattori ambientali, atmosferici e antropici. Ne consegue la necessità di tutelare e conservare questo sfaccettato patrimonio, la cui vulnerabilità emerge solo quando le manifestazioni di degrado si fanno tanto evidenti da rendere necessari restauri complessi e onerosi o lo spostamento in ambiente confinato delle ceramiche. Molti interventi conservativi potrebbero essere evitati o ridimensionati nella loro entità, se con maggiore frequenza si giungesse alla pianificazione di periodiche manutenzioni che, attuate preventivamente all’insorgere del degrado, potrebbero contribuire a prolungare e migliorare la permanenza dei manufatti in ambiente esterno.

L’argomento della giornata di studio sarà approfondita attraverso quattro aree tematiche:

  • Studio, analisi e monitoraggio dello stato di conservazione
    La comprensione delle problematiche conservative e della loro progressione nel tempo è l’aspetto preliminare per la predisposizione di azioni di salvaguardia e di conseguenza per la corretta fruizione e valorizzazione delle opere. L’ausilio delle indagini di laboratorio è fondamentale per lo studio del degrado e la progettazione degli interventi.
  • Soluzioni di intervento per il restauro
    L’aggressività dei fattori ambientali e atmosferici condiziona la pianificazione degli interventi di restauro, che in questa sessione sono presentati e discussi sulla base delle soluzioni operative adottate, anche mediante il confronto critico tra differenti scelte in termini di materiali e di metodologie.
  • Soluzioni per la manutenzione delle ceramiche in ambiente esterno
    Azioni di prevenzione e manutenzioni puntuali e ripetute nel tempo possono in molti casi prolungare e migliorare la permanenza dei manufatti all’aperto ed evitare di giungere a situazioni di degrado tali da richiedere complessi interventi di restauro fino al ricovero in ambiente confinato delle opere.

Nuovi materiali e metodologie di intervento
Le problematiche conservative del patrimonio culturale, che possono assumere particolare rilevanza in ambiente esterno, rappresentano uno stimolo per la ricerca di nuovi materiali e metodologie. Lo sviluppo tecnologico può contribuire significativamente a prolungare la permanenza delle opere in esterno, consentendo di attivare soluzioni di conservazione innovative e maggiormente performanti, sulla base di un preciso controllo dei risultati scientifici, che stimola riflessioni critiche sui casi trattati.

Per partecipare iscriviti!

 
 

Altre date

  • 26 Novembre 2020 00:00

Powered by iCagenda