Su questo sito si utilizzano cookies tecnici e di terze parti. Proseguendo la navigazioni accetti.

GRU>TECNOLOGIE>Plextol B500®
Plextol B500®
Settore:
Manufatti dipinti su supporto ligneo o tessile ;Manufatti in materiali sintetici lavorati, assemblati e/o dipinti ;Materiali e manufatti tessili, organici e pelle;Materiale librario e archivistico e manufatti cartacei e pergamenacei
Descrizione:

Copolimero EA 60%-MMA 40% in dispersione acquosa. È una resina acrilica termoplastica; riesce a svolgere le sue funzioni anche senza ausilio di temperatura, fornendo un’adeguata pressione fino all’evaporazione del solvente. Utilizzando la temperatura si può ottenere una maggior penetrazione del prodotto. 
Può essere utilizzato (a freddo) anche su opere cartacee, in alcuni casi addizionato a metilcellulose.
Ha un forte potere adesivo e una buona resistenza all’invecchiamento.
Da alcuni studi condotti il Plextol B500 è risultato l’adesivo più resistente al cambiamento nel tempo di forza al distacco. Purtroppo è anche risultato l’adesivo soggetto a maggior ingiallimento rispetto agli altri prodotti testati.

Classe:
Adesivi
Bibliografia:
L. BORGIOLI, P. CREMONESI, Le resine sintetiche usate nel trattamento delle opere policrome, Il Prato, Padova 2005

P. BRACCO, O. CIAPPI, Consolidanti, adesivi, fissativi nel restauro dei dipinti su tela e tavola, Quaderni di Skill, suppl. al no. 7, pp. 46-53, 1988

F. CAPPITELLI, ZANARDINI, C. SORLINI, The Biodeterioration of synthetic Resins Used in Conservation, in “Macromolecular Bioscience”, 4, 2004

F. CAPPITELLI, SORLINI, F. VILLA, Biodeterioramento di consolidanti e adesivi naturali e sintetici, in L’attenzione alle superfici pittoriche Materiali e Metodi per il Consolidamento e Metodi Scientifici per Valutarne l’efficacia- 2, Atti del quarto congresso internazionale Colore e Conservazione (Milano, 21-22 novembre 2008), a cura del CESMAR7 e D. Kunzelman, Saonara, 2009

M.C. DUFFY, A study of acrylic dispersions used in the treatment of paintings, in “JAIC”, 1989, volume 28, number 2, article 2, pp. 67-77  1989


C. HEYN, PETERSEN, W.E. KRUMBEIN, Investigations on the microbial degradation of synthetic polymers used in the conservation and restoration of art objects, in “Biodeterioration and biodegradation 9. Elsevier Science Publishers BV”, Amsterdam 1995
Mirko Giangrasso
fShare
0

Aggiungi commento

Si prega di postare commenti brevi e sintetici relativi al materiale in oggetto.
Solo per gli Iscritti: Per le discussioni usare il modulo forum qui sotto


Codice di sicurezza
Aggiorna